Accedi
Facebook
Google
Registrati

Facebook
Google


Perché nessuno vuol fare l’autista di autobus?

Alcune regioni, Trentino, Piemonte anche Lombardia per citarne alcune, non riescono a trovare conducenti di autobus o meglio persone che vogliono diventare autisti professionisti per il trasporto persone.

AutistiProfessionisti
07 Luglio 2019
AutistiProfessionisti
07 Luglio 2019

In particolare l’Agenzia di Lavoro Trentino con tanto di pagina ufficiale ha persino attivato un bonus fino a 1500 euro, valido solamente se disoccupati.

Se da un lato abbiamo aziende pronte ad assumere nuovi autisti, dall’altro disoccupati e non, oltre a dover affrontare un costo elevato, devono fare i conti anche con i lunghi tempi che servono per conseguire le patenti e il CQC. Ebbene sì, patenti in plurale, perché con solo la patente D, si faticherà a trovare lavoro, soprattutto in ambito urbano poiché gli autosnodati necessitano della E, invece per il turismo non è richiesta.

Per quanto riguarda i costi di conseguimento di patenti D, E + CQC, dipendono molto anche in quale città o paese si vive, perché il prezzo varia e indicativamente si andrà a spendere attorno ai 4000 - 5000 euro, stesso discorso per i tempi di conseguimento, per esempio: ci sono autoscuole che fanno 8 ore di lezione al giorno, per 5 o 6 giorni alla settimana e altre che fanno 2, 3 o peggio ancora mezz’ora al giorno, per 2, 3 volte alla settimana, quindi si capisce il fatto che meno ore di lezioni si faranno in una settimana, più lunghi saranno i tempi per il conseguimento delle patenti e del CQC.

Bene, ora che si è in possesso delle patenti il mondo del lavoro proporrà due tipi di contratti.

Contratto di noleggio (Turismo)

Pro

  • Guadagni maggiori (minimo 1600 €)
  • Vedi ogni giorno un posto differente

Contro

  • Stress e concentrazione
  • Responsabilità
  • Week-end e festività al lavoro
  • Lavori 5/6 giorni su 7, rispettando la Direttiva (CE) n. 561/2006

Contratto di autoferrotranvieri (Linea)

Pro

  • Lavoro stabile
  • Turni prestabiliti

Contro

  • Stipendio medio/basso (1200-1300 €)
  • Lavoro ripetitivo, monotono
  • Responsabilità
  • Turni spezzati nell’arco della giornata aumentando il tempo di impegno non retribuito
  • Week-end e festività al lavoro
  • Lavori 6 giorni su 7

Ora viene da chiedersi, se non fosse arrivato il momento di aggiornare il contratto nazionale, aumentando il salario minimo, coerente con i tempi di guida e impegno, in modo da incentivare i giovani a investire sul proprio futuro per un lavoro che gratifichi una volta assunti.

AutistiProfessionisti

Un punto di riferimento in internet, per tutti i nostri colleghi autisti di autobus e le aziende di trasporto persone.

© 2015 - 2021 AutistiProfessionisti

---