Il controllo del titolo di viaggio è necessario per evitare che ci siano utenti che dispongo del servizio di trasporto pubblico o privato senza avere fatto il biglietto.

Il biglietto o l’abbonamento sono di fatto obbligatori per usufruire di questo servizio e non è in nessun caso possibile prendere un pullman o un autobus senza il relativo documento di trasporto. Anche in caso di abbonamento mensile o settimanale, bisogna portare sempre con sé il tagliando, per verificare che l’abbonamento sia stato fatto realmente o meno.

Controllo del titolo di viaggio chi può richiederlo?

Solitamente, il titolo di viaggio sui pullman di città, i tram e tutti i mezzi a breve percorrenza, con una linea fissa, il titolo di viaggio viene richiesto da un controllore dei biglietti, incaricato dall’azienda.

Il controllore solitamente sale ad una fermata casuale e controlla tutti i biglietti di coloro che sono all’interno dell’autobus. Oltre a fornire il biglietto acquistato questo dev’essere anche stato vidimato, se il biglietto non è stato vidimato questo corrisponde come a non averlo. Perché materialmente non lo si è utilizzato per prendere l’autobus.

Oltre al controllore, sugli autobus a lunga percorrenza, o anche quelli di linea che però escono fuori dalla città, il controllo dei titoli di viaggio può essere effettuato dall’autista, che controlla il passeggero prima di salire sull’autobus.

Chi ha l’abbonamento mostrerà il titolo di quest’ultimo chi ha il biglietto invece lo mostrerà e lo vidimerà davanti al controllore.

Il controllo del titolo di viaggio è un lavoro in più da parte dell’autista, che deve assicurarsi che tutti i viaggiatori prendano l’autobus con un biglietto valido per la corsa.

Controllo del titolo di viaggio: cosa succede se non lo si ha?

Il controllo del titolo di viaggio, o tramite controllore o tramite l’autista è necessario. Però cosa succede se non si ha il biglietto?

Nel caso di controllo da parte dell’autista se il passeggero non ha il biglietto, il conducente può decidere di non farlo salire, oppure gli può far fare il biglietto sull’autobus pagando un sovraprezzo.

In caso dei controllori invece, la situazione cambia. Se si viene trovati sull’autobus già in corsa senza biglietto, non si può scendere dal mezzo, ma bisogna fornire le proprie generalità al controllore che provvederà al fare una multa che poi dovrà essere pagata entro 30 o 60 giorni a seconda del regolamento dell’azienda.

Le sanzioni possono arrivare anche a 100 euro in caso di viaggio senza biglietto.