Come già sapete, tutti gli operatori mobili da adesso ti permettono di navigare in internet, telefonare, ricevere e inviare messaggi anche all'estero (detto ROAMING) senza costi aggiunti ma utilizzando il piano tariffario nazionale del proprio operatore.

Tutto questo non perché gli operatori ci vogliono un mondo di bene ma un grazie lo dobbiamo al Parlamento Europeo che ha approvato definitivamente la legge che stabilisce l’abolizione dei Costi Roaming nei paesi dell’Unione Europea in data 7 aprile, con 579 voti favorevoli, 27 contrari e 50 astenuti, abolendo così i costi aggiunti che gli operatori si addebitavano l'un l'altro.

Da sapere;
In realtà ci sono dei casi dove vi possono addebitare alcune spese che riguardano i costi minimi dei GB. Questo perché sempre dall'accordo è stato imposto un minimo di 3,85€ per 1 GB. Esempio: se il vostro operatore telefonico, vi ha fatto un offerta dove pagate 3,85€ per 1 GB, allora all'estero non vi verrà addebitato nulla di più perché rientra nel minimo della spesa consentita, se pagate meno di 3,85€ allora in caso di ROAMING, l'operatore internazionale terrà la differenza dei 3,85€/GB. Mano mano negli anni a venire il minimo verrà ridotto sempre di più e nel 2019 sarà di 2,25€/GB

Ovviamente l'uso del roaming è esclusivamente da utilizzare nel paese estero sporadicamente e non si può utilizzare per sempre approfittando del roaming e per non far concorrenza all'operatore nazionale, per cui la maggior parte del traffico della SIM deve essere NAZIONALE. Altrimenti possono scattare delle verifiche da parte dell'operatore.

Paesi in cui poter usare il telefono senza costi aggiuntivi (Roaming);
Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Slovacchia, Spagna, Svezia, Regno Unito, Islanda, Liechtenstein, Norvegia

Svizzera esclusa perché non fa parte della Comunità Europea