Il 2 Marzo del 2016 , è entrato in vigore la seconda parte del regolamento europeo 165/2014. Questo regolamento stipula precisamente quale sia il grado di responsabilità delle imprese di autotrasporto. Tra questi obblighi sussiste la formazione degli autisti. Non solo, il regolamento prevede una precisa formazione sull’installazione e l’utilizzo del cronotachigrafo.

Un saluto a tutti quelli che si affacceranno a questa grande finestra. Da molto lavoro per il trasporto pubblico di persone e da non molto con mezzi come bus, spero di non essere frainteso dai veterani pero credo di ritrovarmi ancora spiacevolmente in situazione pregressa, mi spiego:
Quante volte col volante tra le mani avete pensato che in quelle mani collegate al vostro cervello e lo stato fisico dello stesso sono contenute le vite delle persone a volte anche

Il simulatore del tachigrafo digitale, grazie al Ministeri dei trasporti Spagnoli è un programma che può essere eseguito sia dal tuo computer dopo averlo installato, sia direttamento online tramite il tuo browser. 

Nello stesso modo in cui i passeggeri sono dovuti a rispettare delle regole una volta saliti sull’autobus, allo stesso modo questi possono fare reclamo attraverso un modulo in caso di mancanze da parte degli autisti o delle società di trasporto.

Se avete conseguito da poco la patente per la guida degli autobus, allora avrete sicuramente iniziato la vostra ricerca per trovare un lavoro in questo ambito.

Trasportare le persone è un lavoro che va fatto con la massima consapevolezza, perché ci sono tantissimi obblighi, regole e responsabilità che gravitano intorno a questo. Naturalmente se avete conseguito la CQC per il trasporto di persone questo lo sapete bene.

Gli autisti di autobus, fanno un lavoro che molto spesso viene sminuito da chi guarda dall’esterno. Spesso si pensa “Che il conducente venga pagato solo per guidare”. La realtà non è così un’autista di autobus, fa un lavoro impegnativo, che lo costringe a turni giornalieri, notturni, e festivi. Non solo, se parliamo poi dei conducenti di autobus turistici e che quindi arrivano anche in mete estere, il lavoro è ancora più gravoso, infatti non si rientra a casa, si lavora per diverse ore, e si percorrono tantissimi chilometri.

Il modulo assenze era un documento per confermare le assenze dei conducenti, tanto di firma personale e  aziendale, per malattia, ferie ecc.  e si doveva tenere assieme all' attività lavorativa, ovvero i famosi '28 giorni' ed essere esibito in caso di controllo dagli organi competenti di controllo.