Il lavoro più stressante del mondo? Fare l’autista di autobus!

  • A causa della migrazione del sito sul nuovo sistema, l'account che hai registrato non è più attivo. Per riattivarlo, si prega di procedere al recupero della password tramite questo link e seguire le istruzioni per email. In caso di problemi scrivici all'indirizzo info@autistiprofessionisti.com
driver-stress.jpg
Dopo diverse ricerche, tra le quali quello di un’autorevole rivista chiamata Journal of Occupational Healt Psycology, scopriamo che secondo studi approfonditi in vari settori lavorativi, il lavoro più stressante del mondo è fare l’autista di autobus.

Fare l’autista di autobus, potrebbe sembrare un lavoro tranquillo, sono in molti a dire “Che cosa vuoi che sia fare l’autista, devi solo guidare”. In realtà tante ore alla guida, il contatto con le persone, i turni, gli orari, la gestione del lavoro, ecc…portano gli autisti di autobus ad essere molto stressati.

Uno dei fattori che determina l’innalzamento del livello di stress negli autisti di autobus, è il costante rapporto con persone di ogni genere, succede spesso infatti che all’interno di un autobus, l’autista si ritrovi a dover placare elementi irrispettosi, violenti o pericolosi.

Queste situazioni , contribuiscono così a stressare maggiormente l’autista, che ha già comunque accumulato un forte sentore di stress per le ore alla guida, che lo costringono in una costante vigilanza della strada. Non solo lo stress aumenta a causa anche del traffico, del caos, dei turni stremanti, i rumori, lo smog, e la paura del rischio di un’incidente stradale.

Infatti, chi guida con maggiore frequenza può rischiare con maggiore facilità di ritrovarsi in mezzo ad un’incidente, questo perché sulla strada non è raro trovare autisti che non rispettano le regole della strada, e che potrebbero far del male a sé stessi e agli altri.

Le patologie causate dallo stress negli autisti di autobus​

Il problema di questo costante stato di stress per gli autisti di autobus, li porta con il tempo ad accusare altre malattie correlate proprio allo stress da lavoro dipendente.

Tra le patologie più comuni causate dallo stress troviamo in primo piano quelle che concernono le condizioni psicologiche, infatti, i primi sintomi di questo disagio sono il nervosismo, irritazione, ansia inconscia.

Purtroppo però lo stress non si limita a questi comportamenti ostili che s’insinuano nel comportamento, ma abbiamo anche altre malattie che possono colpire gli autisti di autobus, queste sono malattie cardiocircolatorie e gastrointestinali.

Lo stress infatti può essere il responsabile dell’insorgenza di malattie come la gastrite che se non curata con il tempo potrebbe causare anche l’ulcera. Per le malattie cardiocircolatorie invece lo stress potrebbe portare gli autisti di autobus a soffrire di aritmie, palpitazioni, tachicardia.

Queste malattie sono alimentate non solo dallo stress, ma anche dalla sedentarietà, del lavoro, che costringe appunto l’autista di autobus a passare gran parte delle ore seduto.

E voi cosa ne pensate?
 
A

Anonimo

Io però vorrei dire che, sicuramente, il progresso nella tecnologia costruttiva degli autobus ha diminuito molto lo stress della guida negli ultimi 30-40 anni, almeno sotto questo aspetto. C'è una bella differenza, ad esempio, nel campo dei bus urbani, tra il condurre un autobus Lancia 703 degli anni sessanta e un IVECO Urbanway di oggi: il primo praticamente non aveva automatismi, e disponeva di un cambio manuale a quattro marce con riduttore; il secondo è completamente automatico nella trasmissione, climatizzato, servoassistito, ecc. ecc.
 
A

Anonimo

Che poi, se andiamo a vedere, ci sono lavori ancora più stressanti e a rischio: il maestro elementare, il pompiere, il poliziotto, ecc.
 
A

Anonimo

Tutti i lavori dove si richiede la massima attenzione per garantire incolumità di altre persone provoca uno stato di ansia, poi aggiungiamo il diverbio verbale della clientela lo smog i tempi molto ridotti di sosta capita anche di trattenere i bisogni fisiologici per garantire l'esecuzione del servizio poi aggiungiamo i turni giornalieri che variano dalla mattina all'altra che accentua il disagio per il metabolismo fisico nel mangiare a ore diverse o addirittura nel saltare i pasti il fisico riesce da giovani a sopportare queste situazioni ma credetemi dopo i cinquant'anni le cose cambiano e incominciano le patologie come ipertensione diabete ulcere e malattie cardiache... questo lavoro comporta un massacro lento alla macchina biologica fino ad arrivare a malattie serie e croniche.
 
A

Anonimo

Sì, certamente, tuttavia ci sono altri lavori dove si rischia addirittura la vita: il pompiere, il poliziotto, ecc. Inoltre, come ho già detto, la moderna tecnologia consente di ridurre fortemente lo stress della guida rispetto agli autobus di una volta. Certo, restano gli altri fattori, ma d'altra parte è un lavoro impostato così: nessuno obbliga a farlo.
 
A

Anonimo

Mah, sicuramente, ma io conosco anziani autisti in pensione che lo hanno fatto con passione e dedizione, pur lavorando, appunto, con autobus scomodi e rumorosi come erano una volta. Non hanno avuto alcuna malattia particolare, Diciamo pure che è un lavoro per il quale bisogna anche essere portati.
 
A

Anonimo

Volete sapere qual'è il lavoro più stressante del mondo? Non avere lavoro, essere disoccupati, con una famiglia da mantenere. Questo è mille volte più stressante e distruttivo che guidare un autobus di mestiere. Pensateci.
 
A

Anonimo

Tanto, fra un po' di tempo, l'ulteriore evoluzione della tecnologia porterà a far sì che l'autista di autobus non servirà più, come già comincia a non servire più il macchinista di treni (vedasi le metropolitane automatiche, come la metro C a Roma, per esempio, che sono prive di macchinisti). Gli autobus saranno, in futuro, totalmente governati da un computer che ne gestirà interamente la guida. Chiaramente non è un futuro prossimo, ma ci si arriverà, col tempo. Perciò il problema dello stress di questo lavoro sarà risollto alla radice.
 
A

Anonimo

Io penso che lo stress in assoluto più evidente di questo lavoro sia la paura di fare un incidente, specialmente se la notte non si è dormito per niente. Per questo motivo però solitamente sugli autobus di gran turismo ci sono a bordo due autisti pronti a darsi il cambio mentre su quelli di linea, esiste la telefonata alla centrale prima di iniziare il proprio turno la quale può organizzare dei turni di emergenza magari mettendo al tuo posto quello che la notte ha riposato oppure in extremis esiste sempre la scusa "si è rotto il pullman, ma questione di una mezz'oretta, lo riparo e poi si riparte" e intanto pisolino tattico sotto l'autobus. Infine esiste anche la soppressione di una corsa… tanto di bus per i lavoratori e per gli studenti c'è né uno ogni mezz'ora… non muore nessuno se anche una corsa dovesse saltare no?
 

Lorenzo-50

Nuovo utente
13 Ottobre 2019
0
0
0
Io penso che la cosa più stremante siano gli orari di disagiati a volte finire di lavorare alle 10 di sera mangiare andare subito a letto vediamo appena dopo ci si inizia alle 6:30 del mattino fino alle 7 di sera del giorno dopo inoltre il tempo di percorrenza e la pressione della gente che ti dice l'autobus in ritardo ma tu devi rispettare il codice della strada tutte queste situazioni portano nervosismo stress e ansia che a lungo termine deteriorano